Emergenza COVID – 19

 

 

 

 

 

 

Emergenza COVID-19
DISPOSIZIONI SULL’ATTIVITÀ SPORTIVA FEDERALE

DOCUMENTI FITAV :

 

Nota DL n. 105 del 23 luglio  Valido dal 6 agosto 2021

 

http://www.fitav.it/RicercaDocumentiAction.do?metodo=fileAllegati&servizio=documenti&idDocumento=3534


 

 
Disposizioni su attività sportiva federale in base al DL n.52 26/4/21

Valide dal 26 aprile al 31 luglio 2021.

24/04/21 – Il nuovo provvedimento prevede la classificazione in zona GIALLA di tutto il territorio nazionale, salvo la possibilità che i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome possano, con propri provvedimenti, applicare misure più restrittive ai propri territori in relazione all’andamento epidemiologico e sanitario locale. Il provvedimento, inoltre, definisce le modalità e le condizioni per lo spostamento da o verso territori classificati in zona ARANCIO o ROSSA. Quindi, fatta salva l’eventuale emanazione di provvedimenti restrittivi adottati a livello locale, le attività consentite sono le seguenti. Le attività sportive di tiro a volo, in quanto sport individuale non di contatto, a bassa intensità motoria e svolto all’aperto, sono consentite alle seguenti condizioni: ZONA GIALLA (condizioni valide anche per le zone BIANCHE) a) attività sportive di tiro a volo amatoriali nonché competizioni organizzate a livello locale (gare regionali o di società) o competizioni di ogni altro livello anche se non calendarizzate (si veda punto successivo), nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, senza obbligo di autocertificazione limitatamente ai praticanti e agli atleti provenienti esclusivamente da territori classificati in zona GIALLA. I praticanti o gli atleti provenienti da zone classificate ARANCIO o ROSSE dovranno essere muniti della certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9 del D.L. 22/02/2021 n. 52, oppure dovranno essere muniti di autocertificazione, indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative”, specificando: attività sportiva art. 17, comma 2 DPCM 2/3/2021. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. b) gare di interesse nazionale e internazionale individuate dal CONI e dal CIP e sessioni di allenamento per le predette gare, nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, con la partecipazione anche di atleti provenienti da diversi comuni o regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché quelli provenienti da zone ARANCIO o ROSSE siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dalla propria abitazione e dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolta la manifestazione (si veda punto precedente), oppure siano muniti della certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9 del D.L. 22/02/2021 n. 52. Se tali gare o attività si svolgeranno esclusivamente a porte chiuse (assenza di pubblico) non sono applicate altre disposizioni. c) La presenza di pubblico è consentita solo per le gare di cui ai precedenti punti a) e b), solo a partire dal 1° giugno 2021 e alle seguenti condizioni: La capienza consentita non può’ essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 1.000 per impianti all’aperto (ricordiamo che, di norma e salvo specifiche autorizzazioni, i campi di tiro delle società affiliate alla FITAV possono ospitare un massimo di 100 spettatori). Le attività’ devono svolgersi nel rispetto delle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico. Quando non è possibile assicurare il rispetto delle predette condizioni, gli eventi e le competizioni sportive si svolgono senza la presenza di pubblico. ZONA ARANCIO Valgono le disposizioni generali applicate per la ZONA GIALLA di cui ai rispettivi punti a) e b), ma tutti i praticanti o gli atleti, indipendentemente dalla zona di provenienza, dovranno essere muniti della certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9 del D.L. 22/02/2021 n. 52, oppure dovranno essere muniti di autocertificazione, indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative”, specificando: attività sportiva art. 17, comma 2 DPCM 2/3/2021. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Nelle zone ARANCIO non è consentito svolgere attività in presenza di pubblico. ZONA ROSSA Valgono le disposizioni generali applicate per la ZONA GIALLA esclusivamente limitate a quelle di cui al rispettivo punto b), ma tutti i praticanti o gli atleti, indipendentemente dalla zona di provenienza, dovranno essere muniti della certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9 del D.L. 22/02/2021 n. 52, oppure dovranno essere muniti di autocertificazione, indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative”, specificando: attività sportiva art. 17, comma 2 DPCM 2/3/2021. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Nelle zone ROSSE non è consentito svolgere attività in presenza di pubblico. Di seguito i link elenco gare di interesse nazionale FITAV calendarizzate per i mesi di aprile e maggio 2021. Gare Nazionali: https://www.coni.it/images/speciale_covid19/Eventi_preminente_interesse/FITAV_Calendario-Gare-2021-18-aprile.pdf Gare Regionali di interesse nazionale: https://www.coni.it/images/speciale_covid19/FITAV_-_camp-reg-est-2021-6-giugno.pdf Si raccomanda a tutti gli atleti e alle Associazioni Sportive di continuare ad attenersi scrupolosamente a tutte le disposizioni indicate nel Protocollo FITAV per la prevenzione del contagio da Covid-19, con particolare riguardo al divieto di assembramenti e all’obbligo di indossare la mascherina in tutte le condizioni diverse dall’esecuzione del tiro in pedana. Ugualmente importante è la compilazione dell’autocertificazione che deve accompagnare ogni spostamento, laddove prevista. Per scaricare il modulo di autocertificazione cliccare qui in basso

Scarica autocertificazione

 

 

Alla luce del DL n.30 valido dal 15 marzo al 6 aprile 2021

14/03/21 – Il nuovo provvedimento, oltre a ridefinire i criteri per l’attribuzione automatica del “colore” delle zone, innalza il livello di protezione ad esse conseguenti, vieta lo spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diversi comuni, regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze e ribadisce la possibilità che i Sindaci o i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome possano, con propri provvedimenti, applicare misure più restrittive. Fatta salva l’eventuale emanazione di provvedimenti restrittivi adottati a livello locale, restano immutate le precedenti disposizioni inerenti allo svolgimento delle attività sportive. Le attività sportive di tiro a volo, in quanto sport individuale non di contatto, a bassa intensità motoria e svolto in ambiente esterno, sono consentite alle seguenti condizioni: In tutte le zone, indipendentemente dalla classificazione di Colore ed esclusivamente per le gare calendarizzate di interesse nazionale o internazionale, limitatamente agli atleti che vi parteciperanno, è consentito lo svolgimento, nel rispetto assoluto delle disposizioni vigenti e dei protocolli emanati dalla FITAV nonché di quelle eventualmente più restrittive emanate a livello locale, delle seguenti attività: a) gare di interesse nazionale e internazionale individuate dal CONI e dal CIP con la partecipazione anche di atleti provenienti da diversi comuni o regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dal medesimo comune o dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dalla propria abitazione e dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolta la manifestazione. Tali gare si svolgeranno esclusivamente a porte chiuse (assenza di pubblico) (art. 18, comma 1 DPCM 2 marzo 2021 e art. 1, comma 10, lettera e) D.L. 16/01/2021 N° 2); b) sessioni di allenamento da parte anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dal medesimo comune o dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dalla propria abitazione e dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolto l’allenamento finalizzato all’attività di cui al precedente punto a), a porte chiuse e in assenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19 (art. 18, comma 1 DPCM 2 marzo 2021). Di seguito i link elenco gare di interesse nazionale FITAV calendarizzate per il mese di Marzo 2021. Gare Nazionali: https://www.coni.it/images/1-Primo-Piano-2021/FITAV_-_Calendario-Gare-2021-18-aprile_002.pdf Gare Regionali di interesse nazionale: https://www.coni.it/images/speciale_covid19/Eventi_preminente_interesse/FITAV___camp-reg-inv-2021-febbraio-marzo.pdf Esclusivamente nelle zone classificate “GIALLE” o “BIANCHE”, oltre alle attività consentite di cui ai punti precedenti, in questo periodo è possibile svolgere, in quanto attività sportiva non di contatto: c) attività sportive di tiro a volo amatoriali nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, limitate ai praticanti provenienti esclusivamente dal territorio regionale ove insiste il campo di tiro (art. 17, commi 1 e 2 DPCM 2 marzo 2021). Le attività di cui al punto c) nelle zone ”GIALLE” possono essere praticate da tutti i tiratori alle seguenti ulteriori condizioni: – Nel periodo considerato i tiratori non dovranno essere dotati di autocertificazione solo se possono dimostrare, attraverso i propri documenti di identità, che lo spostamento avviene nell’ambito dello stesso Comune di residenza. I tiratori che invece risiedono in un Comune diverso da quello ove si trova il campo di tiro, purché sempre nell’ambito della stessa regione, dovranno munirsi di autocertificazione indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ..”, specificando: attività sportiva amatoriale art. 17, comma 1 DPCM 2/3/2021. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Si ribadisce che nelle regioni che sono o saranno classificate zona ROSSA non sono consentite le attività di cui al precedente punto c) mentre le attività di cui ai punti a) e b) possono essere svolte fatte salve disposizioni specifiche più restrittive. Si raccomanda a tutti gli atleti e alle Associazioni Sportive di continuare ad attenersi scrupolosamente a tutte le disposizioni indicate nel Protocollo FITAV per la prevenzione del contagio da Covid-19, con particolare riguardo al divieto di assembramenti e all’obbligo di indossare la mascherina in tutte le condizioni diverse dall’esecuzione del tiro in pedana. Ugualmente importante è la compilazione dell’autocertificazione che deve accompagnare ogni spostamento.

Clicca qui per scaricare il modulo di autocertificazione

 

06/03/2021

Emergenza COVID-19

NUOVE DISPOSIZIONI SULL’ATTIVITÀ SPORTIVA FEDERALE

in seguito all’emanazione del DPCM 02 marzo 2021, valido dal 6 al 27 marzo

06/03/21 – Il nuovo provvedimento, oltre a ridefinire i criteri per l’attribuzione del “colore” delle zone, vieta lo spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze. Restano immutate le precedenti disposizioni inerenti allo svolgimento delle attività sportive. Le attività sportive di tiro a volo, in quanto sport individuale non di contatto, a bassa intensità motoria e svolto in ambiente esterno, sono consentite alle seguenti condizioni: Per le gare calendarizzate, limitatamente agli atleti che vi parteciperanno, è consentito lo svolgimento, nel rispetto assoluto delle disposizioni vigenti e dei protocolli emanati dalla FITAV nonché di quelle eventualmente più restrittive emanate a livello locale, delle seguenti attività: a) gare di interesse nazionale e internazionale individuate dal CONI e dal CIP con la partecipazione anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolta la manifestazione. Tali gare si svolgeranno esclusivamente a porte chiuse (assenza di pubblico) (art. 1, comma 10, lettera e) D.L. 16/01/2021 N° 2); b) sessioni di allenamento da parte anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolto l’allenamento finalizzato all’attività di cui al precedente punto a), a porte chiuse e in assenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19 (art. 18, comma 1 DPCM 2 marzo 2021). Di seguito i link elenco gare di interesse nazionale FITAV calendarizzate per il mese di Marzo 2021. Gare Nazionali: https://www.coni.it/images/1-Primo-Piano-2021/FITAV_-_camp-reg-inv-2021-febbraio-marzo.pdf Gare Regionali di interesse nazionale: https://www.coni.it/images/speciale_covid19/Eventi_preminente_interesse/FITAV___camp-reg-inv-2021-febbraio-marzo.pdf Esclusivamente nelle zone classificate “ARANCIO” o “GIALLE”, oltre alle attività consentite di cui ai punti precedenti, in questo periodo è possibile svolgere, in quanto attività sportiva non di contatto: c) attività sportive di tiro a volo amatoriali nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, limitate ai praticanti provenienti esclusivamente dal territorio regionale ove insiste il campo di tiro (art. 17, commi 1 e 2 DPCM 2 marzo 2021). Le attività di cui al punto c) possono essere praticate da tutti i tiratori alle seguenti ulteriori condizioni: – Nel periodo considerato i tiratori non dovranno essere dotati di autocertificazione solo se possono dimostrare, attraverso i propri documenti di identità, che lo spostamento avviene nell’ambito dello stesso Comune di residenza. I tiratori che invece risiedono in un Comune diverso da quello ove si trova il campo di tiro, purché sempre nell’ambito della stessa regione, dovranno munirsi di autocertificazione indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ..”, specificando: attività sportiva amatoriale art. 17, comma 1 DPCM 2/3/2021. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Nelle regioni che sono o saranno classificate zona ROSSA non sono consentite le attività di cui al precedente punto c) mentre le attività di cui ai punti a) e b) possono essere svolte fatte salve disposizioni specifiche più restrittive. Si raccomanda a tutti gli atleti e alle Associazioni Sportive di continuare ad attenersi scrupolosamente a tutte le disposizioni indicate nel Protocollo FITAV per la prevenzione del contagio da Covid-19, con particolare riguardo al divieto di assembramenti e all’obbligo di indossare la mascherina in tutte le condizioni diverse dall’esecuzione del tiro in pedana. Ugualmente importante è la compilazione dell’autocertificazione che deve accompagnare ogni spostamento.

Scarica modulo autocertificazione
 

Revisione 25 febbraio 2021

Emergenza COVID-19

DISPOSIZIONI SULL’ATTIVITÀ SPORTIVA FEDERALE
Alla luce del D.L. 22 febbraio 2021, n. 15 – valido dal 24-02-2021 al 27-03-2021

25/02/21 – Il nuovo provvedimento, oltre a ridefinire i criteri per l’attribuzione del “colore” delle zone, vieta lo spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze. Restano immutate le precedenti disposizioni inerenti allo svolgimento delle attività sportive. Le attività sportive di tiro a volo, in quanto sport individuale non di contatto, a bassa intensità motoria e svolto in ambiente esterno, sono consentite alle seguenti condizioni: Per le gare calendarizzate, limitatamente agli atleti che vi parteciperanno, è consentito lo svolgimento, nel rispetto assoluto delle disposizioni vigenti e dei protocolli emanati dalla FITAV nonché di quelle eventualmente più restrittive emanate a livello locale, delle seguenti attività: a) gare di interesse nazionale e internazionale individuate dal CONI e dal CIP con la partecipazione anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolta la manifestazione. Tali gare si svolgeranno esclusivamente a porte chiuse (assenza di pubblico) (art. 1, comma 10, lettera e) D.L. 16/01/2021 N° 2); b) sessioni di allenamento da parte anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolto l’allenamento finalizzato all’attività di cui al precedente punto a), a porte chiuse e in assenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19 (art. 1, comma 10, lettera e) D.L. 16/01/2021 N° 2).

Di seguito i link elenco gare di interesse nazionale FITAV calendarizzate per il mese di Febbraio 2021. Gare Nazionali:

https://www.coni.it/images/speciale_covid19/Eventi_preminente_interesse/FITAV_-_Calendario-

Gare-2021-18-aprile_002.pdf Gare Regionali di interesse nazionale:

https://www.coni.it/images/speciale_covid19/Eventi_preminente_interesse/FITAV_-_camp-reg-inv-2021-febbraio-marzo.pdf

Esclusivamente nelle zone classificate “ARANCIO” o “GIALLE”, oltre alle attività consentite di cui ai punti precedenti, in questo periodo è possibile svolgere, in quanto attività sportiva non di contatto: c) attività sportive di tiro a volo amatoriali nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, limitate ai praticanti provenienti esclusivamente dal territorio regionale ove insiste il campo di tiro (art. 1, comma 10, lettera g) del D.L. 16/01/2021 N° 2). Le attività di cui al punto c) possono essere praticate da tutti i tiratori alle seguenti ulteriori condizioni: – Nel periodo considerato i tiratori non dovranno essere dotati di autocertificazione solo se possono dimostrare, attraverso i propri documenti di identità, che lo spostamento avviene nell’ambito dello stesso Comune di residenza. I tiratori che invece risiedono in un Comune diverso da quello ove si trova il campo di tiro, purché sempre nell’ambito della stessa regione, dovranno munirsi di autocertificazione indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ..”, specificando: attività sportiva amatoriale art. 1, comma 10, lettera g) DPCM 3/12/2020. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Nelle regioni che sono o saranno classificate zona ROSSA non sono consentite le attività di cui al precedente punto c) mentre le attività di cui ai punti a) e b) possono essere svolte fatte salve disposizioni specifiche più restrittive. Si raccomanda a tutti gli atleti e alle Associazioni Sportive di continuare ad attenersi scrupolosamente a tutte le disposizioni indicate nel Protocollo FITAV per la prevenzione del contagio da Covid-19, con particolare riguardo al divieto di assembramenti e all’obbligo di indossare la mascherina in tutte le condizioni diverse dall’esecuzione del tiro in pedana. Ugualmente importante è la compilazione dell’autocertificazione che deve accompagnare ogni spostamento.

Clicca qui per scaricare autocertificazione

 

Regione Umbria tutta in #zonaarancione dal 1°al 5 marzo.
 
I punti principali in breve:
✅Tornano le visite ai parenti ed amici ma solo se si trovano all’interno del proprio Comune.
✅COPRIFUOCO DALLE ORE 21.00 (NON ALLE ORE 22.00) ALLE ORE 5.00.
✅Spostamenti all’interno del proprio Comune (o fuori Comune, nel raggio massimo di 30 km, se si abita in un Comune sotto 5000 abitanti).
✔NIENTE #zonerosse ma regole più rigide per la Provincia di Perugia, rispetto a quella di Terni.
‼️Solo per la Provincia di Perugia:
– Tornano in presenza gli asili nido mentre rimangono sospese le scuole materne.
– Rimane in vigore la didattica a distanza per gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado;
– Sospese tutte le attività laboratoriali nelle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie e nei corsi IeFP (salvo la possibilità di svolgere attività in presenza in ragione di mantenere l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali);
– Rimane la modalità telematica a distanza per tutti i corsi di formazione pubblici o privati approvati o autorizzati dalla Regione Umbria e da ARPAL Umbria.
‼️Provincia di Terni:
– Scuole tutte in presenza dall’infanzia alla terza media;
– Scuole superiori in presenza solo al 50%.

 

aggiornata lista coni rev.Febbraio 2021

 

 

Regione Umbria 20/02/2021 “ultima ordinanza”
 
 
Prorogate le misure restrittive regionali (ordinanza n. 16) e quelle territoriali (ordinanza n. 14 per la Provincia di Perugia e San Venanzo) fino al 28 febbraio.
🟧Amelia torna in zona “Arancione”.
📍Alla luce di un andamento della #curva dei #contagi che non presenta ancora una stabilizzazione discendente, e nel principio di massima #precauzione, nonché al fine di portare il periodo di osservazione dei fenomeni epidemiologici almeno a 21 giorni rispetto alle misure restrittive assunte, vengono prolungate per una settimana le ordinanze sopra citate.
📍Inoltre la #Regione, dopo l’interlocuzione con il Ministro Speranza, ha inviato una seconda richiesta al Governo affinchè siano riconosciuti i #ristori per le #imprese e gli #aiuti alle #famiglie residenti nelle zone in cui sono state applicate le misure maggiormente restrittive, in aggiunta a quanto già stanziato dalla Regione.
👉🏻L’ordinanza di #proroga, decisa anche a seguito del parere del Comitato tecnico scientifico e sentito il Ministro della Salute, contiene anche alcuni #nuoviprovvedimenti che, nello specifico, riguardano il territorio della provincia di Perugia e San Venanzo:
◾️ la sospensione delle attività di laboratorio nelle scuole secondarie di secondo grado e nei corsi leFP (resta salva la possibilità per ogni ordine e grado di svolgere attività in presenza qualora sia necessario mantenere una relazione educativa con alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali)
◾️ l’obbligo di svolgimento in modalità telematica a distanza per i corsi di formazione pubblici e privati approvati o autorizzati dalla Regione Umbria e da Arpal
Su tutto il territorio regionale:
🟩per quanto attiene alla #caccia, considerato il ruolo di interesse pubblico che svolge l’attività venatoria in termini di controllo e abbattimento della fauna selvatica, nonché il fatto che la caccia di selezione si svolge in maniera individuale, è permesso, evitando assembramenti, lo spostamento al di fuori del comune al fine di svolgere tale attività
‼️Il provvedimento sarà suscettibile di modifiche in ragione dell’eventuale mutamento delle condizioni epidemiologiche ad esito delle attività di sorveglianza e monitoraggio appositamente implementate.
 
 
 

 

26/01/21 – Le disposizioni nazionali e locali sulla limitazione degli spostamenti e sulle attività sportive che possono essere svolte durante la pandemia da SARS-COV-2, consentono comunque, indipendentemente dalla classificazione in “colore” della regione interessata, l’esercizio del tiro a volo, in quanto sport individuale non di contatto e a bassa intensità motoria, purché in assenza di pubblico e nel rispetto dei protocolli FITAV di sicurezza anti COVID-19. In particolare, i tiratori titolari della tessera FITAV possono accedere ai campi di tiro a volo che ospitano le attività agonistiche indicate nell’elenco delle competizioni di interesse nazionale pubblicato dal CONI alle quali sono iscritti e, inoltre, in qualsiasi altro campo di tiro che abbia le necessarie dotazioni impiantistiche, per svolgervi attività di allenamento e preparazione alle predette competizioni. Si precisa che i campi di tiro che ospiteranno le richiamate competizioni di interesse nazionale sono singolarmente individuati nell’elenco, mentre il tiratore ha la possibilità di individuare il campo di tiro presso il quale esercitarsi, scegliendo, prioritariamente ma non esclusivamente, quelli più prossimi alla propria residenza o domicilio. Il tiratore, per svolgere le proprie sessioni di allenamento, potrà infatti recarsi anche in campi di tiro ubicati al di fuori della propria regione di residenza, ove questi possiedano caratteristiche tecniche e impiantistiche non riscontrabili in quelli ubicati nella propria regione. Ricordiamo che è sempre necessaria l’autocertificazione per gli spostamenti al di fuori della propria regione se questa è classificata “Arancio” e per quelli al di fuori dal proprio Comune se la propria regione è classificata “Rossa”. Ugualmente è necessaria l’autocertificazione se il campo di tiro si trova in regioni classificate “Arancio” o “Rosse”. Per conoscere le gare di interesse nazionale del mese di gennaio 2021 basterà cliccare sul link qui in basso. Invece, per scaricare il modulo di autocertificazione basterà visitare il sito :

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2020-10/modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf

Gare di interesse nazionale
consulta gare regionali 

 


Nuove Disposizioni sull’attività sportiva federale

in seguito al D.L. 14 gennaio 2021, n. 2 valido dal 16/01 al 15/02 2021

 

15/01/21 – Premesso che il grado di rischio dell’andamento pandemico, associato ai colori Bianco, Giallo, Arancio e Rosso, viene definito su base regionale e che, quindi, è necessario riferirsi alle condizioni applicate alla propria regione, con la presente si comunica che, in ottemperanza alle citate disposizioni, le attività consentite sono le seguenti. Dal 16 gennaio al 15 febbraio, per le gare calendarizzate, limitatamente agli atleti che vi parteciperanno, è consentito lo svolgimento, nel rispetto assoluto delle disposizioni vigenti e dei protocolli emanati dalla FITAV nonché di quelle eventualmente più restrittive emanate a livello locale, delle seguenti attività: a) gare di interesse nazionale e internazionale individuate dal CONI e dal CIP con la partecipazione anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolta la manifestazione. Tali gare si svolgeranno esclusivamente a porte chiuse (assenza di pubblico) (art. 1, comma 10, lettera e) D.L. 16/01/2021 N° 2); b) sessioni di allenamento da parte anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolto l’allenamento finalizzato all’attività di cui al precedente punto a), a porte chiuse e in assenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19 (art. 1, comma 10, lettera e) D.L. 14/01/2021 N° 2). Link elenco gare di interesse nazionale FITAV calendarizzate per il mese di Gennaio 2021: https://www.coni.it/images/speciale_covid19/Eventi_preminente_interesse/FITAV_-_camp-reg-inv-2021-per-data-gennaio.pdf Oltre alle attività consentite di cui ai punti precedenti, in questo periodo è possibile svolgere, in quanto attività sportiva non di contatto: c) attività sportive di tiro a volo amatoriali nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, limitate ai praticanti provenienti esclusivamente dal territorio regionale ove insiste il campo di tiro (art. 1, comma 10, lettera g) del D.L. 14/01/2021 N° 2). Le attività di cui al punto c) possono essere praticate da tutti i tiratori alle seguenti ulteriori condizioni: – Nel periodo considerato i tiratori non dovranno essere dotati di autocertificazione solo se possono dimostrare, attraverso i propri documenti di identità, che lo spostamento avviene nell’ambito dello stesso Comune di residenza. I tiratori che invece risiedono in un Comune diverso da quello ove si trova il campo di tiro, purché sempre nell’ambito della stessa regione, dovranno munirsi di autocertificazione indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ..”, specificando: attività sportiva amatoriale art. 1, comma 10, lettera g) DPCM 3/12/2020. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Nelle regioni che sono o saranno classificate zona ROSSA non sono consentite le attività di cui al precedente punto c) mentre le attività di cui ai punti a) e b) possono essere svolte fatte salve disposizioni specifiche più restrittive. Per scaricare il modulo di autocertificazione si può cliccare sul link qui in basso

Scarica il modulo
 
 

News 14 gennaio 2021
 
Emergenza COVID-19
NOTA SULLE GARE DI INTERESSE NAZIONALE
 
14/01/21 – Con riferimento alle disposizioni vigenti e in attesa delle nuove disposizioni nazionali attese a partire dal 16 gennaio 2021, siamo felici di potervi invitare a visitare il Sito del Coni nel quale sono state pubblicate le gare di interesse nazionale in programma fino al 31 gennaio 2021. Un risultato importante ottenuto grazie all’intervento in prima persona del Presidente Rossi ed in riconoscimento della credibilità che la FITAV si è meritata anche nella gestione dell’emergenza causata dalla pandemia di Covid-19. Cliccando sul link in basso si potrà consultare e scaricare l’elenco delle gare pubblicato sul sito del CONI
Consulta le gare di interesse nazionale fino al 31 gennaio
 
 

 


DISPOSIZIONI SULL’ATTIVITÀ SPORTIVA FEDERALE
in seguito al D.L. 5 gennaio 2021, n.1 valido dal 07 gennaio al 15 gennaio 2021.
08/01/21 – Premesso che il grado di rischio dell’andamento pandemico, associato ai colori Giallo, Arancio e Rosso, viene definito su base regionale e che, quindi, è necessario riferirsi alle condizioni applicate alla propria regione, con la presente si comunica che, in ottemperanza alle citate disposizioni, le attività consentite sono le seguenti. Dal 7 gennaio al 15 gennaio 2021, – Zona GIALLA a livello nazionale con limitazioni di spostamento – compreso il fine settimana 9/10 gennaio 2021 – Zona ARANCIO a livello nazionale Per le gare calendarizzate, limitatamente agli atleti che vi parteciperanno, è consentito lo svolgimento, nel rispetto assoluto delle disposizioni vigenti e dei protocolli emanati dalla FITAV nonché di quelle eventualmente più restrittive emanate a livello locale, delle seguenti attività: a) gare di interesse nazionale e internazionale individuate dal CONI e dal CIP con la partecipazione anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolta la manifestazione. Tali gare si svolgeranno esclusivamente a porte chiuse (assenza di pubblico) (art. 1, c. 10, lettera e) DPCM 3/12/2020); b) sessioni di allenamento da parte anche di atleti provenienti da diverse regioni indipendentemente dal “colore” ad esse assegnato, purché tutti (anche quelli provenienti dalla medesima regione ove viene svolta l’attività) siano muniti di autocertificazione attestante la necessità di spostamento dal proprio territorio verso il luogo ove viene svolto l’allenamento finalizzato all’attività di cui al precedente punto a), a porte chiuse e in assenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19 (art. 1, c. 10, lettera e) DPCM 3/12/2020). Oltre alle attività consentite di cui ai punti precedenti, in questo periodo è possibile svolgere, in quanto attività sportiva non di contatto: c) attività sportive di tiro a volo amatoriali nel rispetto dei protocolli emanati dalla FITAV e di tutte le disposizioni emanate dalle autorità nazionali e locali in materia di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid19, limitate ai praticanti provenienti esclusivamente dal territorio regionale ove insiste il campo di tiro (art. 1, comma 10, lettera g) del DPCM 3/12/2020). Le attività di cui al punto c) possono essere praticate da tutti i tiratori alle seguenti ulteriori condizioni: – Nel periodo considerato, ad eccezione del fine settimana 9/10 gennaio 2021, non è necessaria l’autocertificazione. – Nel fine settimana 9/10 gennaio 2021 i tiratori non dovranno essere dotati di autocertificazione solo se possono dimostrare, attraverso i propri documenti di identità, che lo spostamento avviene nell’ambito dello stesso Comune di residenza. I tiratori che invece risiedano in un Comune diverso da quello ove si trova il campo di tiro, purché sempre nell’ambito della stessa regione, dovranno munirsi di autocertificazione indicando che lo spostamento è determinato da “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ..”, specificando: attività sportiva amatoriale art. 1, comma 10, lettera g) DPCM 3/12/2020. Il modulo di autocertificazione prevede anche l’indicazione del percorso (inizio: propria abitazione; destinazione: campo di tiro …). Inoltre, in merito allo spostamento, sarà utile dichiarare che: nel mio comune di residenza/domicilio non sono presenti impianti sportivi ove poter svolgere l’attività. Lo stesso obbligo di autocertificazione vale per i tiratori che abbiano la propria residenza in un comune o una regione diversa da quella ove si trova il proprio domicilio e che intendano praticare l’attività in un campo di tiro nel comune o nella regione ove sono domiciliati. Nelle regioni che sono o saranno classificate zona ROSSA non sono consentite le attività di cui al precedente punto c) mentre le attività di cui ai punti a) e b) possono essere svolte fatte salve disposizioni specifiche più restrittive. Per scaricare il modulo di autocertificazione:cliccare sul link in basso
Scarica il modulo